Il Patrono San Giuliano

ssgiulianobasilissa

Diverse fonti raccontano di Giuliano e della moglie Basilissa, vissuti nel terzo secolo ad Antinoe di Tebaide, città del Medio Egitto situata sulla riva destra del Nilo.
Il giovane Giuliano, di nobile famiglia, ricevette un’educazione raffinata; divenuto fervente cristiano, desiderò dedicarsi alla vita religiosa, ma i genitori gli imposero il matrimonio. Accettò di sposare la giovane Basilissa (il nome in greco significa regina/principessa), anch’essa cristiana, ma di comune accordo gli sposi convissero in assoluta castità, facendo voto di conservare la verginità.
Dopo la morte dei genitori fondarono due monasteri, uno maschile, l’altro femminile, e si dedicarono ad opere di carità, spendendosi soprattutto nell’assistenza agli infermi, ai poveri ed ai bisognosi.
Non sono note le circostanze della morte di Basilissa e delle sue compagne. Sappiamo invece che Giuliano fu imprigionato, per ordine del governatore Marciano, ai tempi della persecuzione di Diocleziano (304-305) e che dopo aver convertito alla fede alcuni membri della famiglia dello stesso governatore con altri cristiani fu torturato e decapitato.
San Giuliano Martire viene ricordato il 9 gennaio